Tenute Botticella | Sicilia da Gustare
Home Sicilia da bere Tenute la Botticella

Tenute la Botticella

by Giusy Messina
0 commento 493 visualizzazioni

Mio nonno Diego  aveva l’abitudine di portare la terra in bocca e di  masticarla  prima di decidere se, dove e quali vigne piantare. Un gesto antico il suo che ancora ricordo quando da bambina lo seguivo tra quei filari cui dedicava le sue giornate dopo la morte improvvisa dell’unico figlio Vito, a soli 23 anni, per un incidente automobilistico. Da allora, quei vigneti furono i suoi figli”.  

Sabrina Giacalone, 43 anni, direttore commerciale dell’ azienda di famiglia, “ Tenute  Botticella”, nell’agro di Marsala, in contrada Digerbato, è quella che i media stigmatizzano con l’espressione di “emigrante di ritorno”.  Il suo sguardo solare e sorridente, incorniciato da un caschetto di capelli biondi, è il biglietto da visita di una piccola azienda biologica che, nata nel 1980 dalla volontà di Don Diego Maggio, “ un contadino che amava il suo faticoso lavoro” cresce anno dopo anno grazie al supporto del genero Giovanni Giacalone e all’entusiasmo dei nipoti.   “Tra i primi a crederci, è stato mio fratello Pietro, enologo, che si occupava dell’azienda- racconta Sabrina- ma poi la voglia di confrontarsi con altre realtà enologiche lo ha portato in Australia dove tuttora vive e lavora”. 

Papà Giovanni, di professione ingegnere e vignaiolo per passione,  lo lascia libero anche se quella piccola azienda con 40 ettari di terreno sparsi nel territorio trapanese, privilegiando soprattutto le zone vicino al mare, ha bisogno di cure perchè la scelta è quella di non forzare i tempi della natura. 

Tenute Botticella | Sicilia da Gustare

“Aspettare il momento giusto per la vendemmia, la selezione accurata e la successiva raccolta a mano delle uve- racconta-sono state le fasi fondamentali per far crescere soprattutto in termini di qualità quest’azienda che per nonno Diego era il sogno di una vita”. La pazienza di papà Giovanni,  è premiata. Anche Sabrina, dopo una laurea in Scienza della Comunicazione a Perugia e un master in marketing, comunicazione e pubblicità all’Istituto Europeo di Design a Roma, ha lasciato la Sicilia. Dal 2000 al 2008,  lavora in qualità di consulente commerciale per la nota agenzia matrimoniale “Eliana Monti”  con 21 sedi sparse nelle regioni italiane. “Era il boom di quest’agenzia che metteva in contatto i cuori solitari- spiega- svolgendo un lavoro molto scrupoloso con il supporto anche di psicologi che seguivano le varie fasi dell’incontro. E quando la scintilla scoccava- dice Sabrina sorridendo- c’invitavano al matrimonio, mandavano le foto dei loro figli”.  Con l’avvento di internet e l’apertura dei vari siti d’incontro, l’agenzia perse il suo appeal ma nel frattempo Sabrina decide che era arrivato il tempo di mettersi in gioco, in prima persona. “Pietro era andato in Australia e  telefonai a mio padre annunciandogli la decisione di lasciare Milano e di tornare a Marsala ad occuparmi dell’azienda vitivinicola, ma ad una condizione: mi avrebbe dovuto lasciare carta bianca perchè volevo creare bottiglie con il nostro marchio e mettere su una  rete di commercializzazione. Per la nostra Botticella, avevo le idee ben chiare”. E l’uragano Sabrina, oggi socia delle Donne del Vino Sicilia, inizia la sua rivoluzione in cantina. Frequenta corsi di avvicinamento al vino a Roma e a Marsala  

Tenute Botticella | Sicilia da Gustare

Oggi è la terza generazione dei Giacalone alla guida dell’azienda con Giusy Anna, che si occupa della parte burocratica- amministrativa e Sabrina, direttore commerciale. Attualmente l’azienda produce 20mila bottiglie e cinque etichette di vini con vitigni  lavorati in purezza, tranne per  l’ Inzolia e  lo Chardonnay, in blend. “ Vengono realizzati nuovi impianti di Syrah, Inzolia, Catarratto, Nero D’ Avola, Chardonnay ad integrazione- spiega Sabrina- del Grillo che da oltre 60 anni continua a regalare splendide sensazion. Ma è il nostro Don Diego, il Syrah, la punta di diamante della nostra piccola azienda. L’avevamo creato per prova nel 2009 e per prova lo mandammo al Concorso Mondiale di Bruxelles, conquistando la Medaglia d’Oro e al Vinitaly, la Gran Menzione. Non potevamo più fermarci. Ed allora- dice Sabrina- occorreva un po’ di sana “Fuddria”, il vino Passito che nasce in 1 ettaro di terreno in quell’isola di  Pantelleria di cui mio padre si è innamorato. Nel 2016, vince la  medaglia d’ oro  al Concorso Mondiale di Bruxelles”

In questi mesi di lockdown, Sabrina non si è fermata. “ Sono andata a zappare sotto gli occhi sbalorditi dei contadini che mi hanno visto arrivare nei campi. Mi sento ritornare bambina- dice- ed è come volessi far sapere a nonno Diego di stare tranquillo perchè ci siamo noi che stiamo continuando il suo lavoro.”  Hai rimpianti ? “Sì- dice mostrando il più radioso  dei sorrisi- quello di non averlo fatto prima anche perchè qui a Marsala ho trovato il mio amore”.

Tenute Botticella | Sicilia da Gustare

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito Accetta Leggi tutto