Simone Molè, miglior bartender d’Italia. “Il cervello è lo strumento più potente!”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email
Simone Molè, miglior bartender d’Italia.

Simone Molè, classe 1990, ha vinto il Diageo Reserve World Class Italia 2021ed è il bartender migliore d’Italia. Ha gareggiato contro altri 49 bartender italiani provenienti da tutte le regioni. La challenge sulla quale si sono sfidati si chiama #Beepositive. Lo scopo era quello di creare un drink con vodka Ketel One aggiungendo due ingredienti locali, un derivato delle api e un altro ingrediente a scelta. Tra il 5 e l’8 luglio rappresenterà il nostro paese durante la finale mondiale che si svolgerà a Madrid. Sicilia da Gustare lo ha intervistato.

Simone, come sei entrato nel mondo della mixology?

Sono nato a Modica ma sono cresciuto per il mondo. Ho lasciato la scuola a 14 anni per dedicarmi al lavoro nel bar degli zii come lavapiatti e poi assistente di cucina. Però ho sempre avuto l’obiettivo di salire sul banco.

Dove hai fatto la tua formazione?

La voglia di intraprendere il cammino dietro un bancone era forte e così ho iniziato un lungo percorso, fatto di bar, cocktails, onde, musica e amici. Oceania e Asia sono le tappe che hanno modellato il mio spirito e che mi hanno poi portato a svolgere il mio lavoro con dedizione e passione, da semplice lavapiatti a Bar Supervisor di Freni e Frizioni, poi bartender al Lyaness di Londra.

Cosa si prova ad essere il miglior bartender d’Italia?

Come si fa a descrivere questa emozione? Forse non si può, a meno che non la vivi.

La vita mi ha dato la possibilità di lottare e io l’ho presa al volo, perché bisogna saperlo riconoscere il treno che passa, quello giusto però.

Questa vittoria per me rappresenta una conquista incredibile.

Ci si può sentire sconfitti a volte, ma mai vinti. Bisogna però saper ammettere a se stessi che a volte siamo noi ciò che non funziona nel meccanismo della nostra vita. Bisogna lottare con le unghie e con i denti per conquistare se stessi, per riconquistare la fiducia delle persone che ci stanno vicino.

Lottare, lottare e lottare. Dalla mattina alla sera, pensare tutti i singoli minuti, i singoli secondi della lotta per capire qual è la prossima mossa da fare.

Abbiamo vinto. Perché questa vittoria è di tutti, tutte le persone che hanno fatto parte, fanno parte e faranno parte della mia vita.

Racconta la competizione che ti ha reso tale: perché hai scelto di partecipare?

Non so dire esattamente qual è stato il momento esatto, ricordo con grande gioia quando vidi le finali precedenti. Ammiravo i grandi barman che partecipavano e ricordo che dissi tra me e me: “Un giorno voglio essere lì!”.

Spiega il tuo cocktail vincente.

“Enjoy the silence” è un cocktail per tutti, di facile riproduzione sia per la reperibilità degli ingredienti che per la facilità delle preparazioni. Il colore e il garnish fanno il resto. Il Tanqueray Ten, infine, armonizza il tutto con le sue note agrumate.

Facciamo un piccolo gioco: “Dimmi cosa bevi e ti dirò chi sei”. Che tipo di persona sarebbe quella che ordina il tuo cocktail a base di vodka e miele?

I miei cocktail sono per tutti, non faccio differenza. Cerco di immedesimarmi sempre nella posizione dei miei ospiti. Loro sono i veri protagonisti che mandano avanti questo settore e perciò cerco di capire come farli felici.

Come si svolgerà il campionato mondiale?

Avremo sei sfide, a cui sto già lavorando. Sarà difficilissimo ma mi sto già divertendo un mondo. Peccato non poter andare a Madrid ma è comunque un onore rappresentare l’Italia in una competizione così importante. Sono sicuro che faremo bene.

Qual è la filosofia della tua arte di barman? Cosa ti ispira?

La mia terra, i suoi ingredienti e i produttori. Sono convinto che ancora oggi conosciamo molto poco. La mia filosofia di miscelazione è molto semplice e ha come obbiettivo quello di esaltare i sapori dei nostri ingredienti principali, prodotti da produttori che lavorano secondo i nostri stessi valori. Lavorano con la mia stessa meticolosità e hanno qualcosa da raccontare, che sia una storia, un posto o un metodo. Decido sempre di renderli partecipi nella creazione. Poi, avuta tanta cura nella scelta degli ingredienti, il mio lavoro diventa veramente semplice e nulla sarà dovuto al solo piacere di fare. Estendo il concetto di minimalismo al bar, facendo a meno di qualsiasi tipo di attrezzatura da laboratorio. Sono consapevole che il cervello è l’attrezzo più potente e mi basta quello. Conoscere a fondo l’ingrediente utilizzato in tutte le sue caratteristiche sarà fondamentale per capire quale tecnica dovrà essere utilizzata. Inoltre, capire con quali altri ingredienti si sposa meglio e quali spirits abbinare ad esso. Una volta in pedana, lo stile sarà super minimale.

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a