Pietro Li Muli: “Sui social faccio vedere la mia Sicilia”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

Intervista allo chef del ristorante Falstaff Steak House di Palermo e amministratore del gruppo Facebook Iomangioebevosiciliano, che promuove i prodotti tipici siciliani

Pietro Li Muli è un giovane chef siciliano, guida infatti la cucina del ristorante Falstaff Steak House di Palermo e, come moltissimi suoi amici e colleghi, è anche molto presente sui social. Con Sicilia da Gustare, che nella nostra isola crede fortemente e non soltanto perché ne porta orgogliosamente il nome, abbiamo voluto sentire anche la sua opinione sull’utilizzo del web, in particolare in questi tempi davvero travagliati per tutta la cucina e la ristorazione italiana, e sulla opportunità che si ha di promuovere le produzioni agroalimentari della nostra terra. Abbiamo intervistato Pietro anche come amministratore del molto seguito gruppo Facebook Iomangioebevosiciliano.

Promuovere i prodotti siciliani cosa vuol dire per uno chef?

“Sono siciliano e sono orgoglioso e grato di esserlo, dentro di me sento che è un dovere, non solo un piacere promuovere i nostri prodotti. È la nostra eredità per le generazioni future e dobbiamo garantirne la durata nel tempo”. 

La tua è una cucina innovativa, come la concili con l’uso di prodotti tipici? 

“Penso che la differenza la facciano i dettagli, me lo diceva sempre mio
padre, anche un solo ingrediente può cambiare il risultato finale di un piatto. Tipo utilizzare olio evo siciliano, mandorle pizzute di Avola, i fiocchi di sale Trapanese, la pasta con i nostri grani antichi e prediligere la stagionalità delle materie prime. Bastano pochi ingredienti in ogni singolo piatto per cambiarlo totalmente”. 

Molti prodotti siciliani non sono conosciuti ai più. Cosa è necessario fare?

“Dovremmo concentrarci più sulle ricchezze che abbiamo qui, a volte ci
lasciamo affascinare da quello che c’è fuori che ci dimentichiamo cosa abbiamo alla portata di mano. Fare i turisti qui in Sicilia e provare in prima persona sarebbe una soluzione”. 

Un tuo giudizio sul livello raggiunto dalla cucina siciliana?

“La cucina siciliana negli anni è cresciuta molto, non solo grazie alle tradizioni salde che abbiamo, anche grazie a tutti i professionisti del settore. Grandi chef che mettono il loro estro e la fantasia per arricchire ogni piatto e valorizzare le materie prime. Tutto questo è fantastico, mi dà grande energia e voglia di fare”. 

Tu sei anche uno chef social. Qual è a tuo avviso il ruolo appunto dei canali social per far conoscere anche le piccole realtà di nicchia

“Riuscire a raccontarsi è il modo migliore per me. Quando ero piccolo e mio padre mi portava al mercato del Capo durante il periodo dei “morti”, ricordo ancora i profumi delle caldarroste, frutta secca, le spezie, la cubbalta, le pupaccena e la martorana tutta colorata. Ecco, attraverso i social cerco di far vedere la Sicilia attraverso i miei occhi”. 

Un consiglio ai produttori che faticano a farsi conoscere? 

Ormai viviamo nell’era social, ed è una vetrina molto importante per farsi conoscere. Ma bisogna farlo nel modo giusto, non basta mettere un post ed il gioco è fatto; per questo c’è chi ha più o meno visibilità. A loro, comunque, dico: credete in quello che producete e raccontate la vostra storia, l’amore e la passione che ci mettete nel farlo. Se seminiamo bene, i frutti saranno abbondanti”.

(Foto credits: Benedetto Tarantino e Chiara Pipitone)

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a