Site logo

Panettoni Artigianali Siciliani: le eccellenze dolciarie del Natale (Prima Parte)

Panettoni artigianali siciliani

Un’esplosione di dolcezza, un inno al territorio, 9 lettere, 4 sillabe, 1 parola: PANETTONE!

Una tradizione culinaria che si tramanda di generazione in generazione portando profumi e sapori siciliani sulle tavole addobbate a festa per il periodo natalizio. Le classiche produzioni si arricchiscono adesso di innumerevoli variabili in grado di conquistare grandi e piccini grazie all’attenzione riposta dai pasticceri negli impasti e nelle farciture, mentre la cura dei dettagli sarà poi la chiave vincente per dolci opere d’arte davvero irresistibili. E, adesso, lasciandosi cullare dalla tradizione e al suon di musiche natalizie ripercorreremo la nostra Isola alla scoperta dei panettoni d’eccellenza!

CAFFÈ DI NOTO (Tusa)

Utilizzare lo zucchero d’uva estratto in forma cristallina per ridurre la quantità di saccarosio nell’impasto. Questa la chiave vincente dei panettoni firmati Pietro di Noto che, dal sapore più intenso e dall’impasto tutto al naturale ed estremamente più elastico, si impongono come irresistibili opere d’arte. Cioccolato, Pistacchio e Tradizionale, tre le opzioni proposte per un innovativo panettone realizzato con 5 ingredienti che in poco tempo ha già attirato l’attenzione dei tanti che hanno fatto richiesta non solo nella sede di Tusa, ma anche nella capitale dove Caffè di Noto vanta una sede a piazza Colonna di fronte Palazzo Chigi.

LA ROSADA (Ragusa)

Un panettone artigianale realizzato con un lievito madre vivo a pasta solida e gestito con un riposo notturno, 8h di lievitazione pre-impasto, 10h di lievitazione per il primo impasto e 6h per il secondo. Ad assicurare la soddisfacente riuscita delle dolci creazioni del ristorante ragusano La Rosada è senza dubbio alcuno la capillare attenzione che Giovanni Di Grandi riserva alla ricerca delle materie prime e alla gestione del lievito madre, ritenuti pilastri fondamentali per la buona riuscita di un panettone. Quattro i 4 gusti proposti, quali l’insostituibile Classico con arancia e cedro canditi e uvetta, il Pistacchio realizzato con una pasta di pistacchio all’interno e una glassa al cioccolato aromatizzata al pistacchio al quale associare una spalmabile al pistacchio home made e, ancora, il Neutro che, esclusivamente aromatizzato, si caratterizza per un gusto squisitamente semplice, personalizzato dalla spalmabile alla gianduia home made. Novità del 2023, il panettone al Cioccolato realizzato con un cioccolato al latte e uno caramellato e, poi, aromatizzato con una pasta di nocciola.

STAND FLORIO (Palermo)

Pasta soffice con lievito madre, farina bio, canditi artigianali siciliani di arance e persistenza speziata del Marsala Superiore Riserva Florio DOP “Donna Franca”. Ogni fetta del panettone “Perle di Sicilia” dello Stand Florio si caratterizza per un gusto morbido e delicato dato dall’uvetta lasciata a macerare. Ideato da Gaetano La Mantia, chef resident dello Stand Florio, per omaggiare la bellezza di Donna Franca Florio, si lascia ricordare per essere tripudio di sofisticata dolcezza dove a predominare sarà un sapore armonico ed equilibrato, conferitogli dall’alveolatura di piccole dimensioni, mentre i singoli ingredienti continuano ad uno ad uno a manifestarsi, come fossero le perle della collana che adornava Donna Franca Florio nel celebre ritratto di Giovanni Boldini. Una proposta artigianale in grado di porre un legame tra il gusto sano della bontà e le eccellenze dell’Isola di cui i Florio furono eccelsi ambasciatori nel mondo.

SALVATORE DAIDONE (Catenanuova)

E mentre i più si focalizzano sulla costante ricerca di dettagli innovativi ecco che Salvatore Daidone incentra a Catenanuova, in provincia di Enna, la sua produzione di panettoni sul pieno rispetto della tradizione e delle materie prime. Dalla soffice consistenza e dai sapori decisi, diverse sono le tipologie proposte ad una variegata clientela che, sempre più, continua a prediligere il panettone al cioccolato. Ad affiancare il più gettonato saranno, inoltre, il Classico, il Mandorlato e il Pistacchio. L’artigianalità dei panettoni impone necessariamente il rispetto della data di scadenza indicata in confezione.

LA MATTINA PASTICCERIA (Ravanusa)

Tradizionale, Cioccolato, Pistacchio, Arancia, Albicocca, Cioccolato e pera, Nocciola e Trilogy dal tris di cioccolato bianco, nocciola e fondente. I panettoni della pasticceria La Mattina a Ravanusa si rivelano un trionfo di profumi e sapori sin dal proprio assaggio! E se il termine farcito lo si considera sinonimo di industriale, ecco spiegato il motivo per il quale Lillo La Mattina bandisce le creme spalmabili dalla preparazione di ogni suo panettone artigianale che, dall’impasto 100% naturale, presenta sulla confezione anche l’indicazione di un’orientativa data di scadenza. Liberi di spaziare tra le diverse proposte, non dimenticate che da sempre il più richiesto e si rivela quello al pistacchio.

IGustosi (Troina)

Escluse dalla produzione combinazioni esotiche e d’importazione, l’azienda I Gustosi, diretta da Silvana Palmigiano e tutta al femminile, si contraddistingue per l’utilizzo di materie prime locali e nazionali d’eccellenza secondo le quali sapori e odori siciliani si fondono perfettamente assecondando anche un nuovo gioco di decorazione. “A Muntagna”, omaggio all’imponente vulcano Etna, continua ad essere una sorprendente creazione in grado di catturare l’attenzione di adulti e bambini. Composto da crema di nocciole, fondente, cacao e miele, viene ultimato con una decorazione esterna a base di zucchero così da ricreare pietra lavica e colata di lava rossa. A completamento del podio, preparazioni al pistacchio siciliano o arance candite, meraviglie gastronomiche dell’Isola.

Ultimi articoli

Seguici

  • No comments yet.
  • Aggiungi un commento

    Potresti essere interessato a

    FIP - Foto 1
    Storie di cibo
    Maria Teresa Corso

    La FIP vince l’Award della Pizza

    Selezionati, accuratamente attenzionati e, alla fine, premiati! Corrado Bombaci, Gianluca Sozubir e Massimo Solenni, rispettivamente segretario, consigliere e socio FIP,

    Leggi tutto »