Natale: i panettoni Bonfissuto farciti con passione e tradizione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email
I fratelli bonfissuto

Dopo l’estate, il Natale appartiene a uno dei periodi dell’anno che preferiamo. Non vediamo l’ora che nei negozi le vetrine risplendano con mille decorazioni, alla radio inizino a trasmettere le canzoni natalizie, che le lucette dell’ albero illuminino le nostre case. 

Sono molte le tradizioni, le pratiche ed i simboli familiari del Natale, come l’albero (introdotto per la prima volta in Germania), la Corona dell’Avvento con le quattro candele (tipica del Trentino Alto Adige), il ceppo di Natale, l’agrifoglio, il vischio, la stella di Natale, lo scambio di doni, (già presenti nelle tradizioni di alcuni popoli nordici prima dell’introduzione del Cristianesimo), il Presepe (forte tradizione piemontese e campana) e quello vivente (il più suggestivo sicuramente quello di Custonaci, in provincia di Trapani, che prende vita all’interno di una grotta naturale affacciata sul mare), i mercatini di Natale (nordici ma anche pugliesi, come la Fiera di Santa Lucia), il profumo dei dolci, i canti tipici (in Sicilia famosi sono quelli natalizi: le Novene che gli zampognari intonano in dialetto, animando le strade della città)… ma, soprattutto, molto attesi, oltre agli appuntamenti di carattere religioso, sono i momenti per stare insieme con tutta la famiglia.

Il Natale è una festa che porta con sé consuetudini e tradizioni, che si ripetono ogni anno da secoli, trasmesse dai genitori ai figli fino ai giorni nostri. 

Ed in Italia, si sa, il cibo la fa da padrone. Città che vai, Natale che trovi anche a tavola: il baccalà a Roma, i tortellini in brodo a Bologna e il cappone in Campania, il pandoro a Verona, lo zampone e il cotechino a Modena, lo sfincione e la cassata, naturalmente, in Sicilia… ed altri ancora! Il Panettone, su tutti gli altri dolci delle feste, nasce a Milano, ma è ormai sinonimo di Natale a livello internazionale ed è apprezzato non solo in tutta Italia, ma nel mondo, soprattutto se è artigianale.

A conferma di questa tendenza, oggi vi parleremo di due giovani fratelli, Giulio e Vincenzo, che hanno saputo trasformare una comune passione in un evidente successo imprenditoriale. Una azienda, la loro, apprezzata dal grande pubblico per qualità e raffinatezza.

I Bonfissuto, originari di Canicattì, un comune non lontano da Agrigento, pur seguendo la tecnica e i segreti dell’arte dolciaria milanese, hanno saputo personalizzare il panettone, usando le eccellenze siciliane a km zero: il cioccolato di Modica, le mandorle, le arance (i canditi) e, per il panettone più richiesto, i pistacchi, tra l’altro in parte di propria produzione, cioè della famiglia Bonfissuto: il pistacchieto, infatti, si trova in contrada Giuliani, non tanto distante dall’azienda.

Sono questi alcuni degli ingredienti utilizzati negli impasti e nelle farciture, poi protagonisti delle creazioni da forno: i panettoni Bonfissuto hanno una storia secolare nella tecnica e nella forma, ma non negli abbinamenti: nuovi, unici!

Grande attenzione, quindi, alle materie prime e grande attenzione anche al packaging? 

“Abbiamo diversi laboratori dedicati esclusivamente ai dolci da ricorrenza, – affermano orgogliosi i titolari – ma non solo. Tutto comincia con la selezione dei migliori ingredienti, poi le prove degli abbinamenti, fino alla realizzazione del prodotto, quello che ci soddisfa davvero… insomma creazioni, ma in continua evoluzione. Nelle confezioni abbiamo utilizzato ricami e  merletti tipici della tradizione siciliana, presentati con eleganza, ma in una veste minimal.”

Poi per le edizioni speciali, la proprietà ha voluto legare l’arte alla gastronomia e per questo ha creato due latte dedicate (e autorizzate dalle fondazioni): a Salvador Dalí e ad Andy Warhol, allo scopo di rendere più universale e appetibile la gastronomia italiana nel mondo.

Il Retail significa sinergia tra qualità del prodotto e design delle confezioni e degli ambienti. Come per il packaging, i Bonfissuto hanno riposto grande cura nell’interior, offrendo uno spazio confortevole, piacevole alla vista e in grado di rinnovarsi e stupire tutti i clienti: “la Desserteria”. Attorno ad essa si è sviluppata, naturalmente, l’area caffetteria ed il banco pasticceria. 

Bonfissuto cresce, così, di anno in anno ed è oggi un brand riconosciuto in tutta Italia e all’estero, presente a livello retail, wholesale e online.

“La nostra desserteria è in pieno centro cittadino, punto di riferimento per la pasticceria artigianale, ma anche un luogo dove riunirsi e consumare in loco. Il nostro e-commerce ci consente di far arrivare, direttamente ai nostri affezionati clienti, i nostri prodotti in tutto il mondo in pochi giorni. La nostra rete di rivenditori, poi, distribuisce i nostri prodotti confezionati in tutto il mondo, nei negozi. Siamo una azienda giovane e contemporanea, con le radici nella tradizione e lo sguardo sempre proiettato al futuro…” concludono i fratelli Bonfissuto, augurando a tutti di credere nei propri sogni!

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a