Mundus Vini: fioccano medaglie per i siciliani di Colomba Bianca

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

Colomba Bianca,  la più estesa cooperativa vitivinicola siciliana,  vola alto. Conquista  il podio alla 27^ edizione di Mundus Vini, uno dei più ei più importanti concorsi enologici in cui, per due volte all’anno, una giuria internazionale qualificata – composta da enologi, viticoltori, sommelier e giornalisti – passa al vaglio oltre 11.000 etichette suddivise in base alla categoria di prodotto, alla provenienza geografica e alle varietà dell’uvaggio. A primeggiare sono il Quarantanni Bianco Riserva 2019 e il Quarantanni Rosso Riserva 2018, al vertice della piramide qualitativa del marchio siciliano. Interessante anche il risultato ottenuto dai vini della linea Resilience, fiore all’occhiello della produzione di nicchia di Colomba Bianca e destinati a veri cultori del vino: conquistano ben due medaglie d’argento, con il Resilience Perricone 2020 e il Resilience Lucido 2020; quest’ultima etichetta riceve un ulteriore riconoscimento, dopo aver conquistato nel 2020 il Best of Show Sicily White Wine. 

Un risultato di caratura internazionale per questa linea dedicata al concetto ‘resilienza’ in vigneto, dove il Catarratto, meglio conosciuto come Lucido, è protagonista di uno specifico progetto di recupero e valorizzazione da parte dell’azienda trapanese.

Grandissimo apprezzamento in particolare per il Quarantanni Rosso Riserva che, oltre a ricevere la medaglia d’oro insieme al Quarantanni Bianco Riserva 2019, ottiene la speciale menzione Best of Show SicilyRed

“La nostra è un’azienda che dà valore al territorio e alle relazioni umane. Colomba Bianca racconta, attraverso i suoi vini, la storia delle persone che la compongono. Un risultato che ci riempie d’orgoglio e che  corona in maniera importante il percorso di crescita di questo specifico progetto produttivo, fondato sulla valorizzazione dei vitigni autoctoni e su vigneti storici”. 

A parlare è Leonardo Taschetta, Dino per gli amici, il presidente della cooperativa  che, fondata nel  1970, conta  infatti circa 2480 soci e si estende lungo 7500 ettari di vigneti tra le province di Trapani, Palermo, Agrigento, Caltanissetta e Ragusa, con 5 cantine distribuite su tutto il territorio. I vigneti sono ubicati in zone che godono di una vasta diversità pedoclimatica, dalla zona costiera fino a un’altitudine di 600 metri sul livello del mare. Un grande mosaico dove ogni cantina è specializzata per la lavorazione di specifiche varietà, consentendo in tal modo di esprimere al meglio le  singole potenzialità qualitative delle  uve e degli specifici microclimi delle zone.  

Colomba Bianca, è anche uno dei maggiori produttori di vino bio in Europa. Attualmente la produzione biologica è di 14.000.000 di litri, pari al 25% della produzione complessiva. Per il futuro auspica un incremento ancora più importante sul biologico, fino a  raggiungere il 50% della produzione totale.

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a