Monaci delle Terre Nere a Identità Golose.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

 

Anche Monaci delle Terre Nere non poteva mancare a Identità Golose, la kermesse milanese dedicata al cibo, quest’anno incentrata sul tema del viaggio. Lo Chef Vincenzo Gulino del ristorante Locanda Nerello, annesso al relais boutique d Zafferana Etnea,è salito sul palco di Identità Golose, al fianco della palermitana Bonetta Dell’Oglio, ambasciatrice del gusto nel mondo, per partecipare ad una full immersion entusiasmante tra confronti, dibattiti e cooking show.

“Il nostro è un viaggio dei sensi tra passato e futuro – ha commentato il cofounder Guido Alessandro Coffa – raccontiamo l’eccellenza dei luoghi, la passione per le produzioni locali che diventano i sapori di una cucina ispirata al mangiar sano a Km0”.

 

Vincenzo Gulino, originario di Scicli, ha scelto l’Etna per proseguire il suo personale viaggio enogastronomico, sposando appieno la filosofia di Monaci: dalle sue origini ragusane deriva la sapienza sui cioccolati, i semifreddi e i gelati; dalla sua passione e dal suo estro, invece, tutto il resto: la cucina creativa, che rivisita la tradizione siciliana e mediterranea miscelando gli ingredienti di stagione, la degustazione oli EVO, la cura e l’attenzione rivolta alla cucina per celiaci, lo studio delle nuove tipologie di scongelamento ed abbattimento dei prodotti.

Monaci delle Terre Nere, il cui nome riporta alla storia ultracentenaria dei luoghi, con i suoi16 ettari di uliveti, agrumeti e vigneti, trasformati in una tenuta biologica, è fonte di ispirazione e di materie prime eccellenti. Buona parte della produzione agricola – uova comprese – proviene dagli orti di proprietà secondo un regime di bio-sostenibilità. L’azienda agricola ha anche cominciato a produrre vini naturali, nell’annata 2016: 4 vini bianchi, 2 rosati, 2 rossi.

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a