Moda, “Bellezza Maiuscola”. La collezione 2019 di alta moda e wedding firmata Marco Strano e le bontà di Seby Sorbello.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

Sirena, principessa o boho style. Un abito per ogni sposa. Ruota intorno al concetto di “Bellezza” la nuova collezione dello stilista catanese Marco Strano che domenica 27 gennaio, alle 18.30, nello storico Palazzo Manganelli, a Catania presenterà la sua wedding couture “Bellezza Maiuscola”.

“Bellezza” che non è un puro concetto o un’estatica contemplazione dell’oggetto, ma è energia che genera ulteriore energia, che diviene Bellezza maiuscola in un‘esperienza unica e irripetibile, come, in fondo lo sono le opere d’arte, come lo sono le donne, con le loro mille sfaccettature, il loro stile, i loro sogni.  Così, anche gli abiti del fashion designer catanese diventano pezzi unici da indossare, frutto non di uno statico esercizio di stile, ma di un suo personale, introspettivo, attento lavoro di ricerca e di sintesi in cui riesce benissimo ad irrompere nelle forme, scomporre tessuti e ricreare nuovo bello.

Di bellezza in bellezza e di dettagli in dettagli, tanti e meravigliosi che faranno da cornice ad un evento che si preannuncia già esclusivo, un secondo protagonista sarà Orazio Tomarchio per “La Truccheria Cherie” che oltre a curare il make up delle modelle, presenterà il rossetto nuance rosa antico, sfumato di pesca, creato per l’occasione Anche il pack e la teca che lo conterrà sono stati disegnati e studiati interamente da Tomarchio, incidendo sul vetro della cloche il nome della collezione, appunto Bellezza Maiuscola. L’hairstyle è di Roberto Napoli e Alfio Reitano per Compagnia della Bellezza, mentre la regia sarà firmata da Mario Gazzo per Magam.

E dulcis in fundo, anche se, in fondo, sarà salato, lo chef Seby Sorbello, patron del Sabir Gourmanderie, ha risposto all’invito di Marco Strano, ad esprimere, a suo modo, il concetto di Bellezza Maiuscola, attraverso un’espressione che gli è propria. E in cucina, si sa, la bellezza è forma ed è gusto, e a volere la sua giusta parte sarà tanto l’occhio quanto il palato. Per questo, dei preziosi cofanetti incastoneranno delle delicate e sfiziose praline salate, come fossero, piccoli gioielli di gusto, una vera “Bellezza Gourmet”. Questo ed altro, accompagneranno l’aperitivo a fine evento.

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a