Le berrette bianche dell’Etna vanno a scuola.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

“Cucina e banchettistica”. È stato questo il tema della corso di aggiornamento svoltosi giovedì scorso, 23 Febbraio, a Giarre e rivolto ai soci dell’Associazione Provinciale Cuochi Etnei. Erano presenti illustri nomi della FIC come Giuseppe Giuliano, Maestro Pasticcere e responsabile Pasticceria della FIC, Giacomo Perna, Presidente dell’Associazione Provinciale Cuochi e Pasticceri di Palermo, e Mario Puccio, vicepresidente vicario dell’Apcpp.

 

Il corso si è svolto nei locali dell’Istituto Alberghiero “Giovanni Falcone” di Giarre e ha consentito anche agli studenti più meritevoli di poter seguire le lezioni. Non poteva mancare all’incontro il Presidente dell’Associazione Provinciale Cuochi Etnei, Seby Sorbello. “I rappresentanti della cucina palermitana, amici e colleghi che conosciamo per la loro grande professionalità, infatti, hanno portato tutta la loro lunga esperienza in questo incontro, trasmettendola ai nostri soci e agli allievi dell’Istituto. Come sempre – ha affermato Seby Sorbello – la formazione è al primo posto tra gli obiettivi che persegue la nostra Associazione. Il mio ringraziamento, infine, personale e a nome dell’Associazione, va alla dirigente Monica Insanguine e a tutti i docenti che ogni giorno si spendono con passione ed entusiasmo accanto ai nostri ragazzi”.

 

“Il nostro Istituto – ha detto la Dirigente Scolastica, Monica Insanguine – è sempre a completa disposizione quando si tratta di formare gli studenti e di offrire loro opportunità di crescita. In particolare, il corso del 23 febbraio ha consentito di volgere uno sguardo anche al futuro degli allievi, trattando un tema molto richiesto in questi anni come la banchettistica. Siamo lieti, inoltre, che la Regione Siciliana ci abbia di recente consentito di ampliare l’offerta formativa dell’Ipsseoa “Giovanni Falcone” anche con il corso di Produzioni Dolciarie, che si aggiunge a quelli di Sala e vendita, Ricevimento ed Enogastronomia. Una nuova opportunità, dunque, per gli studenti”.

 

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a