LA PASTICCERIA DI PASQUALE DI RAGUSA TRA I 5 MIGLIORI BAR SICILIANI PER IL GAMBERO ROSSO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

E’ da sempre la pasticceria dei ragusani ma la conquista, per il dodicesimo anno consecutivo del riconoscimento “Tre Tazzine & Tre Chicchi”, avvia la Pasticceria Di Pasquale di Ragusa ad essere tra le più preferite dai siciliani.  Anche per l’edizione 2018 la prestigiosa guida ai “Migliori bar d’Italia” del Gambero Rosso ha assegnato alla nota pasticceria ragusana il massimo punteggio riconfermando un giudizio che riguarda non solo la qualità del caffè ma anche la complessiva e variegata offerta gastronomica. Un traguardo che Pasticceria Di Pasquale, unico bar selezionato in provincia di Ragusa, condivide insieme ad altri quattro prestigiosi bar siciliani: l’Antico Caffè Spinnato a Palermo, Sciampagna a Marineo, Irrera a Messina, il Caffè Sicilia di Noto.

 

Identità del territorio e al tempo stesso di una comunità, la storica pasticceria ragusana ha festeggiato recentemente il primo compleanno della nuova gestione ed ha avviato numerosi progetti di rilancio non solo a livello locale ma anche sul mercato italiano, come il progetto “Street Food” che sarà presto operativo a Milano e che porterà arancine e cannoli “made in Ragusa” tra le strade del capoluogo lombardo a bordo di un’Ape elettrica. A queste attività si affianca anche la scelta di sostenere le iniziative territoriali con il brand “Di Pasquale per la Cultura” sempre più spesso a fianco di grande iniziative e manifestazioni.

“Il bar – si legge nella guida – assolve al compito della caffetteria la mattina, con una proposta sempre più ampia e differenziata di caffè, cappuccini e bevande calde, lieviti assortiti e dolci per la prima colazione. Si passa poi alla pausa pranzo, con offerte gastronomiche sfiziose, leggere, da consumare velocemente prima di tornare in ufficio, ma senza rinunciare al gusto: pietanze calde e fredde, insalate, panini gourmet, ma anche piatti espressi semplici e nutrienti. Il pomeriggio torna ancora caffetteria, ma anche sala da tè e pasticceria, la gelateria, per convertirsi poi la sera in cocktail bar, tra aperitivi d’eccezione e drink d’autore, realizzati secondo i dettami della mixology contemporanea, con distillati di prima scelta e materie prime di qualità”.

foto Gianfranco Guccione

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a