La bella scoperta dell’ “Olio Don Pietro” prodotto d’eccellenza della Ruggeri Olii

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

L’abbiamo incontrata di recente lo scorso mese di luglio, quando è stata chiamata sul palco di Castellammare del Golfo, splendida località del trapanese, per ritirare il Premio Mediterraneo Packaging, giunto alla X edizione e che ha scelto nel 2022 di premiare anche questa apprezzata azienda agricola siciliana. Ma l’avevamo conosciuta ancora prima, durante una cena gourmet al ristorante Modì di Torregrotta ( Modì Ristorante – Sicilia da Gustare ), con lo Chef Patron Giuseppe Geraci ( Modì: la cena Chic di Geraci e Cortese. “Riscopriamo insieme sapori e territori” – Sicilia da Gustare ).

Le “Lei” in questione, in realtà, sono due, poiché scriviamo infatti dell’azienda agricola “Ruggeri Olii” ( Produzione Olio Don Pietro. Olio Siciliano di alta qualità | Ruggero Olii (olioruggeri.it) ) e di colei che non le presta soltanto il bel volto, ma ne rappresenta l’attività imprenditoriale e il nuovo percorso: Venusia Grillo.

Si è trattato di una bella scoperta, di una “aggiunta” per noi a quel lungo catalogo di eccellenze agroalimentari che vanta la nostra Isola.

Ruggeri Olii, infatti, nasce in provincia di Messina, a Monforte San Giorgio, e da circa un anno ha cercato di dare (con successo!) una nuova versione e un nuovo percorso all’Azienda. Anche partendo dal packaging, non meno importante del contenuto, quando si tratta di comunicare con semplicità e, al contempo, eleganza, tutta la bontà del vino e dell’olio siciliani.  

“Per questo – ha confermato Venusia Grillo ai microfoni di Sicilia da Gustare – abbiamo pensato di raccogliere anche questa sfida del Premio Mediterraneo Packaging e, a quanto pare, il nostro coraggio è stato premiato. Ricevere già un riconoscimento del genere, così prestigioso, è sicuramente molto soddisfacente”.

Anche del Premio conosciamo la bontà oltre alla severità nei giudizi, con la professionalità che ogni anno l’organizzazione mette in campo, con in prima linea il nostro collaboratore e docente Piero Rotolo, assieme all’editore del magazine EgNews, Francesco Turri, e a tanti altri professionisti del settore.  

Perciò, vedere giungere sulle sponde di Castellammare del Golfo anche un’azienda come Ruggeri Olii ci ha fatto piacere. “Copriamo con la nostra produzione circa 120 quintali – ha aggiunto Grillo – che si basa sulle cultivar Biancolilla, Nocellara e Cerasuola”.

Il nome dell’olio evo prodotto e commercializzato, “Olio Don Pietro”, deriva da colui che fu il primo artefice della espansione aziendale di questa bella realtà, antica ed onesta, del messinese. La famiglia Ruggeri, infatti, è attiva in questo settore da oltre un secolo e non è difficile, allora, immaginare questo onesto e laborioso signore condurre il proprio carretto per i sentieri di campagna, affezionato sin dalla tenera età alla propria terra e all’amore per i suoi frutti. Un amore che è riuscito a tramandare anche ai propri discendenti.

Alla nostra domanda su quali siano gli obiettivi, soprattutto a lunga scadenza, dell’azienda, Venusia ha risposto: “Senza dubbio, stiamo cercando di promuovere il prodotto nel mercato di nicchia, che va oltre la Sicilia, anche all’estero. Stiamo lanciando, infatti, nuovi ed importanti progetti in Olanda e Repubblica Dominicana, cercando di promuoverci in ambito internazionale”.

E sulla gradevole conoscenza con la nostra Redazione, avvenuta al ristorante Modì, la signora Grillo ha concluso: “Sin dall’inizio del rilancio dell’Azienda, non abbiamo voluto trascurare il coinvolgimento di professionisti del settore ristorativo, come lo Chef Geraci, che riescono ad esprimere la loro cucina con classe e professionalità. La vicinanza, poi, tra i nostri due territori, Torregrotta e Monforte San Giorgio, ci ha spinto a sposare il suo progetto di cucina, vera realtà particolare molto apprezzata dal pubblico”.  

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a