“In The Kitchen tour” e “Fundraising dinner” tornano sull’Etna e sposano la solidarietà.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

Torna sull’Etna, anche quest’anno, il “Fundraisind dinner”. Già pronte le 60 postazioni degli chef che martedì 2 ottobre a Radice Pura di Giarre daranno vita alla quarta edizione della gara di beneficienza a favore della ricerca sulla fibrosi cistica. Quanto raccolto sarà devoluto alla LIFC (Lega Italiana Fibrosi Cistica) sezione di Messina. “Un’iniziativa che cresce di anno in anno, la scorsa edizione abbiamo registrato oltre 500 presenze e raccolto 27 mila euro e ce la metteremo tutta per superare questo, già di per sé, straordinario risultato”, afferma il promotore dell’iniziativa, l’imprenditore Claudio Miceli. A partire dalle 19.30, a Radice Pura di Giarre il “Fundraising Dinner – doniamo aria” quest’anno vedrà al fianco di chef e pasticcieri anche magistrati e calciatori del “Calcio Catania” che hanno accettato l’invito e si sfideranno in una divertente gara di “impiattamento”: a stabilire chi saranno i più bravi tra mestoli e padelle sarà una giuria composta da 10 giornalisti.

 

E torna in terra dell’Etna anche il B2B “In the Kitchen Tour” dell’associazione Charming Italian Chef con il raduno al mattino, alle 10, all’interno della splendida bottaia della cantina Pietradolce, (Castiglione di Sicilia), di oltre quaranta, dei migliori Chef d’Italia dell’associazione Charming Italian Chef, FIC, e una ventina di pasticcieri CON.PA.IT, capitanati da Pietro D’Agostino, 1 stella Michelin ristorante “La Capinera” di Taormina e Seby Sorbello, presidente dell’Associazione Provinciale Cuochi Etnei e Chef Patron del ristorante Sabir Gourmanderie di Zafferana Etnea. Gli chef interpreteranno ai fornelli i prodotti che ciascun produttore avrà portato sui banconi, seguendo il tema della sostenibilità. Territorio, materie prime, non spreco e centralità dell’uomo, è dunque un paradigma attorno al quale alcuni degli interpreti più illuminati dell’alta ristorazione si stanno già muovendo.

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a