Home Sicilia da Gustare “Healing Chef”, la terapia gourmet vola sulle cucine degli chef

“Healing Chef”, la terapia gourmet vola sulle cucine degli chef

by Gianna Bozzali
0 commento 696 visualizzazioni

 

Al via per la prima volta in Italia un progetto che vede insieme mondo della ristorazione, medici ed esperti del settore agroalimentare. Si tratta del corso professionalizzante in “Medicina culinaria: applicazioni scientifiche alla base della dieta mediterranea” nell’ambito del progetto “Healing Chef” promosso dalla Guida Sicilia da Gustare. Può la scelta di particolari ingredienti ed adeguate tecniche di preparazione insieme alla creatività degli chef fornire dei piatti che siano in grado di contribuire al benessere di ciascuno di noi, specie di chi ha particolari patologie? È la domanda a cui ha voluto dare una risposta l’ideatrice del progetto stesso, la dott. Carla Savoca che coinvolgendo Sicilia da Gustare, il Dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologie nonché il Dipartimento Agricoltura, Alimentazione ed Ambiente dell’Università di Catania, ha posto le basi per il primo corso professionalizzante in Medicina Culinaria volto alla formazione degli chef.

Se i medici sono sempre più chiamati a occuparsi di nutraceutica (branca medica che studia l’azione curativa degli alimenti), in causa ora ci sono anche gli chef, punta dell’iceberg di quel food system di pasticceri, panificatori, ristoratori e filiera agroindustriale che molto incide sulla salute di tutti. 216 ore d’aula, in quattro mesi, durante le quali i docenti dei due Dipartimenti catanesi formeranno gli esperti di cucina dando loro delle informazioni di natura clinica e inerenti le tecnologie alimentari affinché essi possano acquisire delle competenze specifiche: il corso fornirà gli strumenti per capire come variano i nutrienti, la loro biodisponibilità secondo il tipo di cottura, di abbinamenti e dosaggi, mostrandone gli effetti sul nostro organismo. Grazie a ciò, gli chef potranno proporre dei menù capaci di venire incontro a quanti devono seguire particolari regimi alimentari, coniugando creatività, tecnica, scelta di materie prime di qualità e conoscenza dei riflessi che l’alimentazione ha sulla salute umana.

“Si inizia così un percorso a quattro mani, tra medico e terapia tradizionale da un lato e chef dall’altro – spiega Carla Savoca-  perché attraverso la scelta di particolari piatti si potrà contribuire a migliorare la propria salute. Questo progetto nasce da un’esperienza personale – aggiunge-, dall’aver sperimentato in prima persona i benefici di uno stile alimentare ad hoc per migliorare una situazione di malessere iniziale. Ringrazio i Direttori dei Due Dipartimenti, di Agraria e Biotecnologie, e Carmelo Pagano, editore della Guida, per il prezioso supporto e per aver creduto nell’utilità di un corso come questo rivolto agli chef che come obiettivo finale ha il benessere del consumatore”. Già 17 importanti chef siciliani si sono detti pronti a confrontarsi e rimettersi in gioco partecipando alle lezioni che prenderanno il via nei prossimi mesi. Ecco i nomi: Massimo Mantarro, Pietro D’Agostino, Andrea Alì, Gigi Mangia, Vincenzo Candiano, Seby Sorbello, Giuseppe Pappalardo, Salvo Gambuzza, Giuseppe Raciti, Maurizio Urso, Giuseppe Biuso, Angelo Treno, Accursio Craparo, Claudio Ruta, Concetto Rubbera, Francesco Patti e Paolo Didomenico.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito Accetta Leggi tutto