Fondazione Italiana Sommelier. Il vino e l’olio dell’Etna “regalo ufficiale” di Catania ai suoi ospiti eccellenti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email
Fondazione Italiana Sommelier. Il vino e l'olio dell'Etna "regalo ufficiale" di Catania ai suoi ospiti eccellenti | Sicilia da Gustare

Siglata una convenzione tra l’amministrazione comunale e la FIS. In anteprima anche la presentazione del Primo Bibenda Etna Wine Master, corso di eccellenza, con Catania unica sede mondiale

Un’elegante cassetta in legno, una targa del Comune di Catania, tre bottiglie di vino dell’Etna e una di olio. Sarà questo il “regalo” che la città di Catania donerà agli ospiti illustri in visita, per promuovere il territorio e diffondere al massimo livello il brand del Vulcano. Tutto questo, grazie al protocollo d’intesa siglato oggi dal Comune di Catania, con il Sindaco Salvo Pogliese, e la Fondazione Italiana Sommelier/Bibenda, guidata in Sicilia da Paolo Di Caro. 

“Non è un semplice gadget – ha detto Paolo Di Caro – ma un mezzo attraverso il quale raccontiamo un pezzo dell’economia cittadina legata alla produzione vitivinicola e olivicola, cioè un’eccellenza riconosciuta a livello mondiale che oggi diventa un bel segnale di collaborazione di promozione del territorio tra amministrazione e chi fa impresa legata all’enogastronomia”.

La Fondazione, con l’apporto fondamentale del Consorzio dei Vini dell’Etna, si occuperà di selezionare e fornire i vini e gli oli da regalare agli ospiti, metterà a disposizione l’iniziativa e i propri sommelier ad accompagnare il dono, a titolo completamente gratuito per l’Ente pubblico, nell’ottica della ulteriore valorizzazione di una eccellenza già riconosciuta nel mondo, dove il vino etneo si esporta con numeri di assoluto rilievo. 

“La Sicilia non si è sempre resa conto di quanto unica ed eccezionale fosse – ha commentato Antonio Benanti, Presidente Consorzio Vini dell’Etna-, molti imprenditori sull’Etna hanno invertito la rotta, investendo in cantine, hotel e ristoranti. C’è tanto da fare e da recuperare ma ci sono competenze, qualità e bella energia da condividere.  Siamo contenti di poter dare una mano alla città, siamo una locomotiva e siamo contenti di esserlo”.  

Nel protocollo, la Fondazione si impegnerà a curare, sempre a titolo gratuito, la Carta dei Vini di eventuali eventi ufficiali del Comune con ospiti nazionali o internazionali, inviando i propri sommelier per servirlo e raccontarlo nella maniera più adeguata. 

Nell’occasione, è stato presentato in anteprima, il Primo Bibenda Etna Wine Master che si svolgerà a Catania a partire dal 2020, unica sede mondiale. Un Master che formerà professionisti e ambasciatori dell’Etna nel mondo, richiamando partecipanti da varie regioni d’Italia.

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a