Féminalise: le donne premiano le donne.
E a Parigi trionfano i vini di Casa Grazia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email
feminalise 1607 Victorya Cerasuolo di Vittoria DOCG 2020 - Azienda vitivinicola Casa di Grazia

Lei era fin troppo sicura che i propri vini sarebbero stati apprezzati, acclamati e infine premiati! Ed era sicura che le proprie etichette sarebbero state in grado di conquistare anche un contesto così elegante e prestigioso come Parigi! Ed ha avuto ragione… ma non per superbia o per arroganza. Conosciamo fin troppo bene l’eleganza di Maria Grazia Di Francesco Brunetti, ne apprezziamo da sempre la sobrietà unita alla dolcezza e alla profonda fede (quella spirituale e quella per il proprio lavoro!), per non sapere che la certezza di vittoria le derivava dall’assoluta convinzione che la sua più che una professione è una missione: produrre vini eleganti ed eccellenti, in grado di rappresentare il volto più bello della Sicilia al femminile. 

Capita così, e non certo per puro caso, che ben tre vini della cantina siciliana Casa Grazia vincano ben due medaglie d’oro ed una d’argento nel prestigioso contesto chic di “Féminalise”, concorso enologico parigino nato nel 2007 da un’idea di Didier Martin e che ha una bellissima caratteristica: tutte le sue protagoniste, tutte le giurate e le componenti delle commissioni sono donne, siano esse enologhe, giornaliste, critiche gastronomiche o semplici wine lovers. E capita, così, che una volta appreso di questo bel concorso d’oltralpe, la signora Maria Grazia abbia detto a un’altra donna, la sua collaboratrice in azienda, Elena Pasian: “Elena, noi parteciperemo e… vinceremo!”. E così è stato, il tutto con etichette davvero particolari. A conquistare le medaglie d’oro sono stati, infatti, il 1607 Victorya Cerasuolo di Vittoria DOCG 2020 ed il Gradiva Nero d’Avola Sicilia DOC 2019, mentre la medaglia d’argento è stata assegnata al Laetitya Frappato Sicilia DOP 2020

Il contest è andato in scena il 6, 7 e 8 Aprile scorsi presso il Parc Floral di Parigi, registrando la partecipazione di 4.800 prodotti e circa 650 degustatrici. Accanto ai vini francesi, sono stati assaggiati ben 600 vini internazionali per un totale di 18 nazioni straniere rappresentate: Austria, Lussemburgo, Germania, Regno Unito, Belgio, Paesi Bassi, Cile, Argentina, Perù, Italia, Portogallo, Svizzera, Spagna, Repubblica Ceca, Grecia, Turchia, Serbia e Stati Uniti. Delle 1.471 medaglie totali assegnate dalla competizione francese, 8 ori e 9 argenti sono stati riconosciuti a vini italiani.

“Ho appreso di questo concorso dall’Associazione Donne del Vino – confessa Maria Grazia a Sicilia da Gustare – e subito, ma anche in modo piuttosto ironico, mi sono confidata con la mia collaboratrice, Elena, dicendole che avremmo dovuto assolutamente partecipare, perché avremmo vinto. E così è stato! Perché la nostra Azienda vitivinicola è donna per eccellenza, con i suoi vini declinati elegantemente al femminile”. 

Anche la scelta delle etichette, come già sottolineato, non è stata casuale. Infatti, la stessa Maria Grazia ci spiega: “Il nostro Nero d’Avola Gradiva è come una donna elegante e al tempo stesso piena di grinta, di determinazione, che sa quello che vuole e che vuole andare avanti. Il Cerasuolo di Vittoria DOCG Victorya, poi, non poteva mancare, dedicato com’è alla prima donna che ha valorizzato il vino siciliano, Victoria Enriquez Colonna. Infine, il nostro Laetitya, che ho inviato al concorso perché quando ho dato il nome a questo frappato non pensavo a fini economici, ma alle emozioni che avrebbe suscitato. E così è, tanto apprezzato da restarne quasi sempre sprovvista! Essa rappresenta la letizia declinata al femminile, la letizia del cuore, che una donna può provare ma anche donare. Soprattutto, la letizia di una mamma, quella gioia delicata, pura, semplice, profonda”. 

Questi riconoscimenti francesi sono il frutto raccolto dopo tanti sacrifici e diversi anni piuttosto difficili, non solo per Casa Grazia, ma per tutta la viticoltura siciliana ed italiana. “La vita è imprevedibile – conclude con il suo consueto sorriso, supportato dalla fede, la nostra signora del vino siciliano – ma noi puntiamo sempre a un domani pieno di speranze e gratificazioni. Questi premi sono attimi di grande gioia ed è come se qualcuno mi avesse battuto una pacca sulla spalla, sussurrandomi: Maria Grazia, non mollare! Vedi? Le tue creature vengono premiate…”. 

Di seguito il dettaglio dei vini italiani vincitori:

Medaglie d’oro:

  • Pinot Noir 2018 IGT Provincia di Pavia – Az. Agr. Torti “L’Eleganza Del Vino”
  • Tumà Primitivo Salento IGT 2020 – Masseria Cuturi 
  • Chakra Rosso Primitivo Gioia del Colle DOC 2018 – Giovanni Aiello Enologo per Amore
  • Barricato Bianco di Toscana IGT BIO 2020 – Fattoria La Vialla
  • Pinot Nero di Casa Rossa Rosso di Toscana IGT BIO 2015 – Fattoria La Vialla
  • 1607 Victorya Cerasuolo di Vittoria DOCG 2020 – Azienda vitivinicola Casa di Grazia
  • Gradiva Nero d’Avola Sicilia DOC 2019 – Azienda vitivinicola Casa di Grazia
  • Cà Vaibò Lugana DOC Superiore 2019 – Cantina Bulgarini 

Medaglie d’argento:

  • Manzoni Moscato 13.0.25 n/a– Az Agr. Luigino Molon
  • Monte Diavoli Primitivo di Manduria DOC 2017 – Masseria Cuturi 
  • Pievina di Spedale Bianco di Toscana IGT BIO 2020 – Fattoria La Vialla
  • Vernaccia di San Gimignano Riserva DOCG BIO 2019 – Fattoria La Vialla
  • Casa Conforto Chianti Riserva DOCG BIO 2018 – Fattoria La Vialla
  • Laetitya Frappato Sicilia DOP 2020 – Azienda vitivinicola Casa di Grazia
  • Impostino Montecucco Rosso Riserva 2016 – Tenuta L’Impostino 
  • Belfresco Rosso IGT Calabria 2021 – Tenuta Iuzzolini
  • Misco Riserva Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOCG Classico 2018 – Tenuta di Tavignano

A PROPOSITO DI FÉMINALISE 

Creato nel 2007 da Didier Martin, Féminalise è un contest mondiale di vini, sake e distillati decisamente originale: i prodotti in gara sono infatti degustati da una giuria composta esclusivamente da donne. Trentacinque anni di esperienza come organizzatore di concorsi enologici hanno permesso a Didier Martin di constatare l’importanza della donna nel mondo del vino e di ideare questo concept unico. Sull’onda di un successo crescente, Féminalise acquisisce portata internazionale nel 2015 e da cinque anni presenta oltre 4000 vini ad ogni edizione. Per maggiori informazioni: https://www.feminalise.com/

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a