Etna Torre Wine, grande successo per la prima giornata

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email
Etna Torre Wine | Sicilia da Gustare

Oggi focus su vini dell’Etna, vini Marsala e birre artigianali.

Grande successo per la prima serata di Etna Torre Wine. 

E’ stata un successo la prima giornata di Etna Torre Wine, manifestazione enogastronomica dedicata alle eccellenze del territorio, in corso a Torre Archirafi, borgo marinaro di Riposto (CT). Il settecentesco Palazzo Vigo ha accolto centinaia di visitatori che, calici in mano, si sono immersi nella suggestiva atmosfera tra degustazioni, musica e assaggi. Sold out per i primi laboratori del gusto, dedicati all’olio ed al vino. Sono stati Biagio Pulvirenti, del Consorzio di tutela dell’olio extravergine di oliva Dop Monte Etna, ed Ercole Aloe, agronomo, ad illustrare i processi di produzione, le differenze tra gli oli presenti sul mercato e le caratteristiche dell’olio dell’Etna. Spazio infine alla degustazione. Subito dopo la scena è stata occupata dai tecnici della delegazione jonico- etnea dell’Associazione Italiana Sommelier, che hanno curato una degustazione di vini etnei. Infine, produttrici e maestri assaggiatori dell’Onav, Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vini, di Catania hanno curato “L’anima femminile”, una degustazione di vini bianchi e rosati dei tre versanti dell’Etna. “Siamo felicissimi di ospitare questa bellissima manifestazione – ha dichiarato Saro Caltabiano, vice sindaco di Riposto, dopo il taglio del nastro – Spero che sia la prima edizione di una lunga serie. E’ una rassegna che mette in mostra i prodotti tipici della nostra zona, soprattutto il vino dell’Etna ma anche le birre, i formaggi, il miele, l’olio. Riposto si presenta sempre di più ai turisti ed ai visitatori come il fulcro di un percorso turistico di grande valenza. L’amministrazione Caragliano è felicissima di ospitare questa manifestazione, peraltro a Palazzo Vigo, restaurato da poco, che è uno dei più bei palazzi, aperto ogni giorno al pubblico e a queste manifestazioni. Grazie quindi agli organizzatori per questa bellissima kermesse”.

Ed hanno riscosso grande successo anche i produttori locali presenti alla manifestazione. Tra loro il “Birrificio dell’Etna”, azienda di Carrubba, frazione di Riposto, nata nel 2014. “Realizziamo nove tipologie di birra artigianale – spiega Delfo Faraci, uno dei titolari – Siamo presenti sul mercato italiano ed esportiamo qualcosa anche all’estero, soprattutto in Lussemburgo. Il prodotto che più ci rappresenta è la Polyphemus, prodotta con il mosto di Nerello Mascalese. L’anno scorso siamo usciti anche con Heracles, con l’aggiunta di pistacchi di Bronte, tutto certificato. E poi un’altra birra particolare è la Juno, preparata con grano antico siciliano “Perciasacchi”. Presente anche l’azienda “E’ tipico”, nata nel 2006 a Zafferana Etnea. “Realizziamo in particolare le foglie da tè, specialità tipica di Zafferana Etnea – racconta Alessandra Privitera, titolare – Si tratta di una cialda sottile che nasce per essere degustata durante l’ora del tè, da qui deriva il nome. In realtà è un biscotto molto versatile che si può abbinare ai vini liquorosi, ai gelati, ai semifreddi, ma anche a confetture e formaggi. La frutta secca è l’ingrediente principale. La mandorla è il gusto tradizionale e poi abbiamo affiancato nocciola, pistacchio e mandorla, cioccolato e zenzero. Esportiamo soprattutto in Italia e ci stiamo affacciando all’estero. Abbiamo lanciato da qualche anno anche la roccia dell’Etna, chiamata così per la forma che richiama il lapillo vulcanico. E’ un mix di mandorla e pistacchi e vuole essere un tributo al nostro vulcano”.

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a