Donnafugata, memorabile “Mille e una Notte” .

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

Una verticale straordinaria di Mille e una Notte, dal 1995 al 2011: questa la degustazione senza precedenti realizzata da uno dei massimi esperti di vino italiano, Ian D’Agata, in esclusiva per  Vinous.com di Antonio Galloni. Un viaggio nel tempo che racconta la “nascita di una moderna icona del vino”. Voluto da Giacomo Rallo, fondatore di Donnafugata insieme alla moglie Gabriella, il Mille e una Notte, come ricorda D’Agata, nacque grazie al determinante contributo dell’enologo Giacomo Tachis. A dargli questo nome fu invece Gabriella, colpita dalla grandezza evocativa di un vino così importante e particolare. Protagoniste della degustazione sono state ben diciassette annate, ciascuna diversa dall’altra, ma tutte eccezionalmente rappresentative di un territorio nobile per la viticoltura, come quello delle colline della Tenuta di Donnafugata, nel cuore della Sicilia occidentale, a Contessa Entellina.

“Ho raramente degustato così tanti eccezionali Nero d’Avola in un’unica occasione” – scrive Ian D’Agata, – “ed il fatto che molte annate di Mille e una Notte presentino una straordinaria eleganza e longevità, non può che accrescere la reputazione di questo vino.”

D’Agata si dice inoltre “veramente impressionato dalla qualità riscontrata” in questa verticale che dimostra “quanta finezza e armonia i grandi Nero d’Avola possano avere.”

Le recensioni di Vinous collocano il “Mille e una Notte” tra i rossi di maggior pregio in termini assoluti: 95+/100 all’annata 1995; 96+/100 all’annata 2008; 95/100 al 2011. “Abbiamo spesso assaggiato vecchie annate del nostro Mille e una Notte – afferma Antonio Rallo, wine-maker dell’azienda di famiglia – ma non avevamo mai provato una verticale completa prima d’ora, e questa realizzata per Vinous ci ha riservato ottime conferme ma anche bellissime sorprese come la straordinaria evoluzione del 1995.”

“Con intelligenza e rigore, Ian D’Agata ha saputo raccontare – afferma José Rallo, alla guida di Donnafugata insieme al fratello Antonio– “l’intera storia del Mille e una Notte, dalla genesi dell’ambizioso progetto dei miei genitori fino ai giorni nostri, attraverso un’evoluzione di quasi 20 anni che fa emergere una costanza qualitativa di cui siamo profondamente orgogliosi.”

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a