Dall’Etna e Pantelleria, i nuovi olii Donnafugata

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

Donnafugata arricchisce la propria gamma con due nuovi olii che esprimono il pregio dei territori di origine. Una sfida che corre parallela alla produzione vinicola e che testimonia la volontà di appassionare anche i cultori dell’olio di qualità. L’extra-vergine della cultivar Nocellara Etnea è stato prodotto dagli uliveti aziendali che si trovano sul versante nord dell’Etna, dove Donnafugata è impegnata già dal 2016. Un olio caratterizzato da un fruttato di media intensità, con avvolgenti sentori di erba tagliata e carciofo. L’equilibrio armonico tra amaro e piccante, rende quest’olio particolarmente piacevole al palato esaltandone le note di noce e castagna.

Pantelleria, dove gli ulivi sono coltivati su terrazzamenti e vengono potati bassi per proteggerli dal vento, la varietà è la Biancolilla. Raccolte nella seconda decade di Ottobre, le olive di questa cultivar hanno dato un olio leggero, delicato e di straordinaria eleganza; il bouquet è caratterizzato da un fruttato di leggera intensità, con sentori di pomodoro costoluto, erbe aromatiche, rosmarino e timo. Un extra-vergine che eccelle per il condimento di pesce, insalate e nelle preparazioni delicate come una maionese gourmet.

 Eleganti le bottiglie dell’olio sulle quali campeggia una delle tante figure femminili protagoniste delle etichette Donnafugata, una donna- ulivo simbolo di serenità e benessere.

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a