Contessa Entellina: cena Slow Food con i Discepoli di Auguste Escoffier

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

Insalata di herbe varie cum càppari et filetti di pollo fricti in bono lardo. Bono pecorino cum miele et noci cum molte bone spezie rare. Ippocrasso: Buon et generoso vino di Sicilia”. E’ in latino  il servizio di credenza del menù in chiave medievale realizzato dall’Associazione “Disciple d’Auguste Escoffier” delegazione Sicilia, in occasione della “cena  Slow Food”  con i prodotti  del Bio Distretto dei Borghi Sicani guidato da Antonella Murgia, che si svolgerà venerdì 20 agosto nella splendida Abbazia di Santa Maria del Bosco, alle pendici  del Monte Genuardo, nel cuore dell’omonima riserva naturale, nel comune di Contessa Entellina, in provincia d Palermo, nell’ambito di “Terre Sicane Wine Fest” dal 20 al 22 agosto.

Un menù dai sapori medievali che lega autenticità dei prodotti genuini locali all’affascinante location medievale dell’Abbazia Santa Maria del Bosco – spiega lo chef Giovanni Montemaggiore, presidente dell’associazione “Disciple d’Auguste Escoffier” delegazione Sicilia per meglio rafforzare il connubio tra cibo e territorio. Un appuntamento che si rinnova con il Bio Distretto dei Borghi Sicani, perché è nella mission della nostra associazione conoscere  l’intera filiera dei prodotti che usa lo chef in cucina, a garanzia della salute e del benessere del cliente”.  

Il 20 agosto, alle 19,30 cooking show a quattro mani,  con il saccense  Giovanni Montemaggiore e il milazzese Antony Andaloro, fiduciario regionale per la disabilità dei Disciple D’Auguste Escoffier International delegazione Sicilia,  uno dei quattro  chef non vedenti  al mondo che cucina attingendo a  “quel mondo di emozioni – spiega – che porto nel cuore”, nel solco dell’insegnamento del maestro  Escoffier, il “cuoco dei re, il re dei cuochi”,  che valorizzava l’esaltazione dei cinque sensi. In omaggio a Contessa Entellina, una della comunità albanesi della Sicilia, prepareranno l’iconico  piatto di canneroni in riduzione di Nero d’Avola, salsiccia e pesto rosso ai profumi estivi e Vastedda del Belìce, tipico di Contessa Entellina. Con loro anche Roberta Marchese Ragona, “narratrice” del nettare di Bacco. (Su prenotazione e green pass obbligatorio)

Tra i prossimi appuntamenti ,  la “Cena del Gattopardo” del Bio Distretto dei Borghi Sicani con   “Disciple d’Auguste Escoffier”.  

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a