Coalma il tonno dei siciliani festeggia 100 anni puntando sulla sostenibilità

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email
Coalma - pesca-tonno

La Sicilia vanta una tradizione significativa importante in ordine alla lavorazione e trasformazione di prodotti ittici. A scrivere questa storia gloriosa sicuramente ha contribuito il marchio Coalma e la famiglia Macaluso, indubbia protagonista di questa bella storia imprenditoriale che nel 2022 taglia il traguardo prestigioso dei 100 anni dopo avere insediato alla tolda di comando la quarta generazione.

Tutto ebbe inizio negli anni ’20 del secolo scorso, quando Francesco Macaluso a Palermo nella zona del porticciolo di Sant’Erasmo insedia un piccolo stabilimento di lavorazione e trasformazione di pesce azzurro (sarde, acciughe, alici, sgombro) a cui unisce l’attività di piccola pesca tradizionale e artigianale del tonno rosso del Mediterraneo. Gli anni ’50 segnano l’inizio dell’importazione e della lavorazione del tonno pinna gialla, pescato nell’Oceano Atlantico, nello stabilimento palermitano. Dal 2000, dismessa la flotta peschereccia, ci si concentra sull’attività di lavorazione e di trasformazione dei prodotti.

Il Logo per  100 anni di Coalma
Il Logo per 100 anni di Coalma

Negli anni ’10 del nuovo secolo l’azienda avvia un processo di ristrutturazione a livello manageriale sul solco sempre della tradizione familiare che vede l’ingresso in azienda della quarta generazione con Vincenzo Bonura, oggi General Manager, e Claudia Pellitteri, Brand Manager. Il 2014 è stato l’anno dell’inserimento di nuovi soci che hanno apportato capitali freschi e soprattutto un significativo know-how relativo alla distribuzione e al marketing, aspetto complementare alla tradizionale attività di trasformazione dell’azienda.

Con il nuovo management si registra un deciso cambio di passo nella direzione della trasformazione di una società 2.0

In occasione del prestigioso traguardo del centenario, l’azienda, piuttosto che organizzare festeggiamenti, ha deciso di sostenere concretamente l’ospedale delle tartarughe di Lampedusa e il lavoro dei volontari coordinato dalla Dott.ssa Freggi. A giugno saranno documentate le attività dell’ospedale e divulgate anche attraverso i social, attivando un processo di sensibilizzazione per la tutela delle tartarughe, la cui vita è messa spesso a repentaglio dai sistemi di pesca illegali e dalla plastica presente nei nostri mari. Al contempo saranno installati pannelli informativi rivolti ai turisti, residenti e pescatori sui sistemi di salvaguardia della specie.

Un momento della liberazione delle tartarughe

“Internazionalizzazione, ristrutturazione manageriale, ricambio generazionale sul solco della tradizione familiare, innovazione di processo e di prodotto sono i pilastri fondanti del successo dell’azienda – dichiara Vincenzo Bonura, il General Manager – che la nuova generazione insediata è riuscita a declinare trovando la formula che ha consentito di innestare la modernizzazione dei processi sul solco della continuità familiare. Dal 2019 sotto la ragione sociale Macaluso srl, chiaro riferimento alla matrice familiare, l’azienda con i suoi brand ittici è entrata a far parte del gruppo europeo Freitasmar. La competitività sul mercato – chiosa Vincenzo Bonura 

fatti salvi e mantenuti gli standard di qualità, da sempre elementi connotativi dell’azienda fin dalle sue origini, oggi trova gli elementi di forza nell’attenzione posta al marketing, alla distribuzione e alla comunicazione, asset aziendali che il nuovo management dotato di elevate qualificazioni e competenze professionali riescono adeguatamente a sviluppare”.

Passano gli anni, s’insediano le nuove generazioni della famiglia Macaluso ma immutato è il procedimento tradizionale di lavorazione del tonno di prima scelta, con una ricetta che non è mai cambiata attraverso l’antica cottura in acqua e sale marino che assicura un prodotto con elevati standard di gusto e naturalezza. Un concetto che viene meglio esplicato da Claudia Pellitteri – Brand Manager dell’aziendail cui ingresso in azienda è coinciso con una decisa accelerazione sullo sviluppo della linea aziendale legata alla comunicazione e al posizionamento nel mercato del brand.

“L’azienda riesce a garantire nelle scatolette il trancio intero, contrariamente alle aziende piu commerciali che utilizzano perlopiù tonno precotto che si presenta piu sbriciolato – sottolinea la Brand Manager. Questo ci riporta alla grande verità che il tonno di qualità deve essere sodo, serrato, compatto e sostanzioso, sfatando così il vecchio luogo comune, frutto di una famosa pubblicità degli anni’80, che attribuiva al tonno la qualità della friabilità che anche un grissino poteva tagliare”.

Altro punto di forza dell’azienda è la sostenibilità che viene assicurata innanzitutto grazie a metodi di pesca eco-friendly dei pescherecci rigorosamente registrati che rispettano protocolli di pesca sostenibile attraverso il metodo di pesca a circuizione o a canna e che è valsa al tonno Coalma la certificazione “Friend of the sea“ e numerose certificazioni grazie all’adozione di protocolli per la sicurezza alimentare, come BRC e IFS.

Un chiaro indirizzo strategico aziendale che la Brand Manager Claudia Pellitteri descrive nel dettaglio con azioni concrete realizzate. “Nella direzione dell’innovazione di prodotto e della sostenibilità va inserita un’altra referenza della linea Due Pavoni con meno olio d’oliva. Infatti una nuova ricetta riduce l’olio nella scatoletta ma non intacca le sue proprietà organolettiche, riuscendo in ogni caso ad idratare il tonno riducendo così lo spreco di olio, causato dallo sgocciolamento che riversa una quantità di esso negli scarichi contribuendo così indirettamente all’ inquinamento dei mari. Cosi come nel filone dell’innovazione di prodotto va inserita la nuova linea di filetti di tonno aromatizzati – rimarca la Pellitteri – che l’azienda commercializzerà a breve grazie ad un rapporto di collaborazione con UniMoRE (l’Università di Modena e Reggio Emilia) che ha consentito di aggiungere al tonno gli odori e i sapori della cucina siciliana come il limone IGP di Siracusa e il mandarino tardivo di Ciaculli, ricette innovative in grado di soddisfare le esigenze dei consumatori, offrendo una gamma vasta”.

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a