Arriva anche in Sicilia la Filiera “Chiocciola Metodo Cherasco”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email
Chiocciole allevamento

Una giornata informativa gratuita per gli aspiranti elicicoltori siciliani. Perché anche e soprattutto in Sicilia, il futuro è chiocciola!

Da nord a sud le Chiocciole Metodo Cherasco si muovono veloci! Sarà infatti proprio la Sicilia la prima tappa di ITINERA, il modulo di informazione e formazione itinerante sviluppato dall’Istituto di Elicicoltura Cherasco per mostrare le potenzialità di business con l’allevamento delle chiocciole.  Con condizioni climatiche ottimali, un alto consumo gastronomico di chiocciole – che fanno parte della tradizione culinaria locale – e ultimo, ma non meno importante, la disponibilità dei finanziamenti statali a fondo perduto “PSR Resto al Sud”, la Sicilia presenta un humus ideale per sviluppare una proficua attività di allevamento di chiocciole.

Per scoprire come diventare elicicoltori – allevatori di chiocciole – l’appuntamento è per SABATO 7 MAGGIO dalle ore 9 alla Sala Polivalente della Chiesa di Piazza Mazzini a Tusa per la relazione delle linee teoriche a cura del Direttore dell’Istituto Internazionale di Elicicoltura Cherasco Simone Sampò accompagnato dall’architetto Cristiano Scarrone. Il pomeriggio è dedicato invece alla pratica presso l’Azienda Agricola Miceli (Contrada Vallone 10, Tusa, Messina) che già da 5 anni segue l’innovativo disciplinare di produzione secondo il “Metodo Cherasco”. “Abbiamo iniziato in autonomia, senza alcuna esperienza – spiega Santi Miceli, uno dei giovani titolari dell’azienda agricola di Tusa – ma è grazie alle competenze, conoscenze e alla continua assistenza fornitaci dall’istituto Internazionale di Elicicoltura di Cherasco che siamo riusciti a rendere proficua la nostra attività di allevamento chiocciole, tanto che oltre ai primi 20 recinti, ne stiamo impiantando altri 25 perché la richiesta sia gastronomica che dei prodotti cosmetici continua a crescere“.  Qui, guidati dai tecnici dell’Istituto Internazionale di Elicicoltura, aspiranti elicicoltori ma anche semplici curiosi e amanti della natura saranno accompagnati alla scoperta delle tante potenzialità dell’elicicoltura: teoria e tecnica di gestione di un impianto, cosmetica e produzione gastronomica, analisi dei costi. Il pomeriggio, insieme ai titolari dell’allevamento Miceli, visita dell’impianto di allevamento, per toccare con mano un’attività che consente di mettere a reddito terreni altrimenti improduttivi con un investimento contenuto e un ritorno economico certo in tempi brevi.

 >>> La Giornata Informativa è gratuita con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA <<<

fino ad esaurimento posti al numero 0172.489382

ELICICOLTURA: UNA PROMETTENTE POSSIBILITA’ DI BUSINESS NEL COMPARTO AGRICOLO

Un business pulito, etico, rispettoso della natura. E redditizio, considerando che in 6 anni gli allevamenti elicicoli italiani che seguono il “Metodo Cherasco” sono passati da 200 a 840, impiegando un indotto di oltre 11.000 persone e generando un significativo aumento di fatturato, cresciuto dai 36 milioni di euro del 2016, per arrivare a 340 nel 2019 e a sfiorare i 500 milioni di euro nel 2021.

La “Chiocciola Metodo Cherasco”, riconosciuta e ricercata per la sua qualità ottenuta grazie all’applicazione del rigido disciplinare, ha visto raddoppiare il suo valore, passando da 3€ al chilo del 2019 a 6€ al chilo nel 2022. La possibilità di allevare secondo il Ciclo Naturale Breve consente, inoltre, di rientrare dell’investimento già dal primo raccolto, ovvero entro 6 mesi dall’attivazione dell’impianto. 

La richiesta di chiocciole di qualità – sia per la carne che per la bava – è in costante aumento. “Considerando che gli allevamenti attuali in Italia provvedono solo al 15% della domanda interna e che ci sono oltre 1 milione di ettari incolti (dato Coldiretti) – spiega Simone Sampò Direttore dell’Istituto Internazionale di Elicicoltura Cherasco – c’è spazio per più di altri 3800 ettari di impianti e per l’avvio di nuove proficue opportunità imprenditoriali per fare dell’Italia il primo produttore di chiocciole certificate al mondo”.

IL FUTURO È CHIOCCIOLA!

Tutto parte dalla chiocciola, piccolo invertebrato al fondo della catena alimentare, dalla quale nasce una florida economia – ribattezzata economia elicoidale – in grado di sviluppare reddito in diversi settori.Neologismo coniato da Simone Sampò – Direttore dell’Istituto Internazionale di Elicicoltura Cherasco – l’economia elicoidale, si sviluppa “a spirale”: coinvolge diversi comparti, creando valore in termini di lavoro, reddito e benessere sociale ed ambientale oltre che nel settore gastronomico – la carne di chiocciola è ricchissima di proteine con appena lo 0,7% di grassi (meno della sogliola) e l’allevamento richiede un dispendio minimo di acqua ed energia – anche in altri settori produttivi.  Sono coinvolti il segmento prodotti di benessere, bellezza e farmaceutica – la bava delle lumache ha eccezionali proprietà cicatrizzanti, nutrienti e antiossidanti e funge da gastroprotettore naturale; il commercio di frutta e verdura – la bava è un antimicrobico naturale in grado di allungare lo shelf-life dei prodotti confezionati; lo sviluppo di applicazioni tecnologiche avanzate negli impianti come sensoristica e blockchain; il sociale con progetti riabilitativi dove i pazienti traggono giovamento nel prendersi cura della chiocciola con tempi lunghi e scanditi, proprio come quelli del piccolo mollusco, e il progetto F-Helicicultura dell’Istituto Internazionale di Elicicoltura, ovvero insegnare a bambini e ragazzi il rispetto della natura attraverso l’osservazione e la cura delle chiocciole. Inoltre, gli intestini vengono venduti per l’alimentazione di altri animali e il guscio, fonte di calcare, viene utilizzato nei prodotti ortodontici e per gli scrub nei massaggi.

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a