Alessia, la “nuova generazione” frizzante della MaggioVini.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

Un vino brioso, fresco, frizzante che già ha conquistato il gusto dei consumatori, specie dei più giovani. Così come è lei che lo ha ispirato, la giovanissima Alessia Maggio. Stiamo parlando dei due nuovi frizzanti in casa Maggiovini, l’Alessia Moscato e l’Alessia Grillo, in tutto 14 mila bottiglie di cui oltre la metà già vendute all’estero. Due nuove etichette che vanno ad aggiungersi allo spumante rosé di Frappato “Luna Nascente” per conquistare il mercato delle “bollicine” sempre più in ascesa.

“Si pensava già da diversi anni -spiega il responsabile commerciale della cantina sita a Vittoria, Gianluca Lombardo-  di presentare un vino che fosse amabile, di facile beva e strettamente legato alla nostra filosofia biologica e di valorizzazione dei vitigni siciliani. Da diversi anni produciamo il Luna Nascente e, forti di questa esperienza produttiva in Charmat, abbiamo deciso di ampliare la gamma dei vini puntando sul nostro Moscato, uva aromatica di personalità e storia, ed il Grillo, principe dei vini bianchi siciliani”. Il risultato sono queste due bottiglie di frizzante firmate dall’enologo dell’azienda Rosario Li Volsi.

“Il Moscato si presenta con una tipica e marcata nota dolce ed aromatica, che rimanda decisamente al vitigno di origine – afferma l’enologo-. Fresco, profumato, serbevole, immediato ed elegante. Queste le sue principali prerogative che lo rendono gradevolmente universale ed accontentare tutti i palati. Il Grillo si presenta con note fruttate e tropicali di pesca bianca e mango che si fondono ad eleganti sentori floreali. L’armonicità e la compostezza degustativa confermano la sua natura agile e briosa”.

Le due etichette, come prima detto, sono state dedicate ad Alessia (nella foto sotto), figlia dell’imprenditore vitivinicolo Massimo Maggio, che sta iniziando a muovere i primi passi in azienda rappresentando la quarta generazione di produttori e continuando così una storia di vini siciliani, fatta di passione ed amore per la propria terra. Un amore per la viticoltura e per una tradizione di famiglia che vuole essere “protetta” e fatta conoscere sempre di più: da qui quale migliore nome per questi vini se non Alessia, dal greco Alèkso, che significa colei che protegge!

mood_bad
  • Non ci sono commenti.
  • Lascia un commento

    Potresti essere interessato a