A Villa Neri si magnifica il vino

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su email

Le suites enoteca rendono omaggio a uno dei frutti eccellenti dell’Etna.

pratoA guardarla così, in un dolce pomeriggio di fine maggio, mentre respira pigramente con un pennacchio di fumo bianco a manifestare la sua vigile presenza, sembrerebbe impossibile che “à muntagna” possa anche mostrare l’altro volto, quello ruggente e spaventoso, che terrorizzò tanto i nostri avi al punto da portarli a credere che proprio lì, in cima, ci fosse la bocca dell’inferno.
Torreggia silenziosa alla nostra destra, l’Etna, esercitando un fascino misterioso evocatore di miti. A sinistra, in lontananza, luccica il mar Jonio, lambito dai raggi del sole. Siamo nel giardino, rigoglioso di gerani, di Villa Neri, magnifico resort nato nel 2007 e inaugurato nel 2011, grazie alla volontà della famiglia Neri di riunire in un unico luogo le eccellenze di questa parte di Sicilia: arte, ospitalità, vino, olio e buon cibo.cantina
La struttura, immersa tra gli ulivi, presenta un corpo principale con facciata azzurra e pietra bianca, caratteristica delle antiche dimore padronali della zona, mentre i corpi annessi hanno facciata rossa e rifiniture in pietra nera, com’era, in passato, per le masserie e i magazzini. La pietra bianca era più costosa e pregiata rispetto alla pietra lavica, perciò il suo impiego segnava una differenza tra le abitazioni, creando anche una netta distinzione di status tra coloro che ci vivevano.tappodecanter
Anche gli interni, affidati all’architetto Salvatore Puleo, sono stati disegnati tenendo conto dell’anima tradizionale della Sicilia e della ricchezza dell’artigianato locale, ma dandone un’interpretazione moderna, in modo da assicurare agli ospiti sempre il massimo comfort. Qui, il nuovo trae valore dall’antico, caricandosi di un valore altrimenti impossibile da raggiungere, “come una bella donna che si sposa indossando l’abito di sua madre”.
I quadri del maestro Salvatore Incorpora – artista nato a Gioiosa Jonica, ma sempre vissuto a Linguaglossa, dove è morto nel 2010 – impreziosiscono i locali comuni di Villa Neri.
301 decanterAlle 14 camere che caratterizzavano originariamente la struttura, si aggiungono quest’anno le nuove “suite enoteca”, camere di lusso che portano i nomi delle contrade dell’Etna a più forte vocazione vitivinicola. Il progetto nasce dall’intento di esprimere con maggiore intensità il legame della famiglia Neri con il territorio etneo, consentendo agli ospiti di creare, nell’intimità delle proprie camere, un rapporto diretto con i vini di ciascuna di queste “cantine private”.
Oggi, buona parte dell’economia dei comuni piedemontani ruota attorno alla produzione vitivinicola, alla quale sono collegate importanti, ma non ancora esplorate, occasioni di sviluppo.
Per questo motivo, la presentazione delle suite enoteca si è svolta nell’ambito di un incontro, promosso da Villa Neri, sul tema “l’enoturismo per lo sviluppo del territorio etneo”, che ha visto partecipare – oltre all’ingegner Neri che ha fatto gli onori di casa – il sottosegretario di Stato alle politiche agricole Giuseppe Castiglione, l’ing. Giovanni Scilio, presidente dell’associazione “Le strade le vino dell’Etna”, i rappresentanti dei comuni etnei di Linguaglossa, Piedimonte e Castiglione di Sicilia, e l’architetto Salvatore Puleo.305
A Villa Neri si produce olio biologico Nocellara dell’Etna, che solo gli ospiti del resort possono degustare ed acquistare, e la cucina del ristorante “Le Dodici Fontane”, affidata al giovane ma talentuoso chef Elia Russo, è un costante e sapiente omaggio ai prodotti e ai sapori della tradizione siciliana più autentica.
La filosofia dell’ospitalità e dell’accoglienza che la famiglia Neri ha fatto propria ha una direzione precisa: va verso il territorio, la continua scoperta delle sue bellezze e la valorizzazione dei suoi frutti eccellenti, passando esclusivamente attraverso il rispetto dei suoi equilibri.

Daniela Sammito

mood_bad
  • Comments are closed.
  • Potresti essere interessato a